[TO86777] ACCESSIBILITÀ E UNIVERSAL DESIGN

Inizio
11 settembre 2018 9:00
Fine
11 settembre 2018 13:00

19,90IVA inc

L’ACCESSIBILITÀ NELL’OTTICA DELL’UNIVERSAL DESIGN E LE INNOVAZIONI IN CAMPO NORMATIVO

  • L’attenzione all’accessibilità all’interno di un processo progettuale non può essere considerata come una specializzazione separata. L’universal design è una chiave di lettura della società, un approccio culturale che adotta il progetto come strumento attraverso cui conseguire un bene comune e condiviso.
  • L’Unione Europea da tempo ha ritenuto necessario inserire nella sua agenda il tema e le problematiche legate all’accessibilità, termine che in questo caso è utilizzato con un’accezione molto ampia e che include prodotti, servizi, infrastrutture e spazi per un accesso e un uso agevole da parte di persone con disabilità ma non solo; le normative dell’Unione Europea pongono quindi al centro della progettazione di prodotti materiali e intangibili tutti gli individui nella loro eterogeneità.
  • Durante la mattinata si approfondiranno l’European Accessibility Act e le sue direttive di aggiornamento, la normativa tecnica italiana e i concetti di accessibilità e universal design all’interno della Convenzione ONU, anche traverso alcuni casi studio.

RELATORI: EUGENIA MONZEGLIO, architetto, già docente del Politecnico di Torino | CRISTIAN TARASCO, architetto, docente del Politecnico di Torino e membro focus group OAT La professione per i giovani e pari opportunità

Disponibile

Vuoi accedere gratuitamente a decine di corsi?
Acquista un abbonamento XClima, come:
Abbonamento Architetti 365 GIORNI, Abbonamento Architetti 3 MESI o Abbonamento Architetti 6 MESI.

Oppure se sei già abbonato effettua il Log in.

Orari e Disponibilità

482 Q.tà Disponibile

12 Venduto

Dettagli

  • La strategia europea (2017) sull’accessibilità: ridurre la marginalizzazione che circonda il tema dell’accessibilità, superare la visione della disabilità come cifra identificativa dei problemi individuali e delle soluzioni dedicate; migliorare il benessere, il comfort e la qualità di uso
  • Ricondurre la prassi progettuale corrente nell’alveo della Progettazione Universale (Universal Design) così come richiesto dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del 2006, diventata legge italiana (L. 03/03/09 n. 18)
  • Dalla attuale normativa tecnica per l’accessibilità (DM 236 del 1989 e DPR 503 del 1996, che sono confluiti, insieme all’art. 24 della L. 104 del 1992, nel Testo Unico dell’edilizia) alla proposta di legge 1013 del 03/10/2017 “Disposizioni per il coordinamento della disciplina in materia di abbattimento delle barriere architettoniche”
  • Dal concetto di accessibilità nelle sue diverse declinazioni (visitabilità, adattabilità, accessibilità condizionata) alla fruibilità ampliata, anche attraverso il ricorso a soluzioni alternative e compensative e percorsi di coinvolgimento e partecipazione delle persone interessate e delle loro associazioni
  • Casi studio