filippo cannata
Ligth Designer

Filippo Cannata

  • Filippo Cannata è nato a Brescia nel 1962. Dopo aver frequentato corsi di formazione presso le maggiori aziende nazionali ed internazionali del settore dell’illuminazione nonché corsi di specializzazione in lighting design, già a partire dagli anni 80 ha cominciato a collaborare con artisti e grandi maestri del design e dell’architettura quali Cleto Munari, Alessandro Mendini, Mimmo Paladino, e successivamente Aldo Cibic, Matteo Thun, David Chipperfield, Buro Happold, Stefano Boeri, Paolo Portoghesi, Mario Cicinella, Mario Botta, Boris Podrecca, Richard Rogers… realizzando progetti alla piccola, media e grande scala.
  • Il suo stile, fatto di influssi multidisciplinari, nasce proprio da questa “contaminazione culturale”, da questo contatto continuato nel tempo con ambienti e sensibilità differenti che permea ogni sua idea e lavoro.
  • In 1992 fonda il suo primo studio. Nel 2001, convinto che la luce sia una importante forma di comunicazione, evolve lo studio in quello attuale, nasce cosi Cannata & Partners Lighting Design Communication.
  • Attualmente tiene seminari in diverse università, in Italia e all’estero, e master per la formazione in lighting design. E’ inoltre membro del Comitato Scientifico del MAC Capua (Museo Civico Arte Contemporanea) e del Comitato di Redazione della rivista “Luce e Design) edita da Tecniche Nuove.
  • Nel corso degli anni ha ricevuto prestigiosi premi e riconoscimenti come l’International “Edison Award Of Merit” a Las Vegas (Usa), il “Premio Dedalo ‘99” a Vicenza, il premio “Prix Lumi Ville” a Lione (Francia), il “Premio Urbanistica 2009” a Bologna, e la “Medaglia d’Onore per l’Architettura” assegnata dal Museo Mediterraneo delle Arti, Musica e Tradizioni (MAMT).
  • Attualmente è impegnato nel progetto di illuminazione del nuovo grattacielo Unipolsai a Milano su progetto di Mario Cucinella ed è ideatore di “Sensedesigner.com” la nuova frontiera del fare luce alla ricerca delle emozioni!

Relatore nei corsi:

Nessun Corso Trovato

Vai alla barra degli strumenti